UN AUTUNNO CRITICO: SOS ENERGIA E GAS

Condividi:

Nel 2022 le imprese del terziario italiane spenderanno in energia 24 miliardi di euro, circa 500 milioni dei quali solo nel Veronese, più del doppio rispetto all’anno precedente, in cui la bolletta fu di “soli” 11 miliardi. Lo sottolinea Confcommercio Verona prendendo spunto dai dati dell’ultimo Osservatorio Confcommercio Energia, analisi trimestrale realizzata in collaborazione con Nomisma Energia. 

Tra luglio 2021 e luglio 2022 gli aumenti della spesa annuale sono arrivati a toccare il 122% per l’elettricità e il 154% per il gas e, nel dettaglio, gli alberghi hanno speso in media 55mila euro in più per l’energia elettrica, seguiti dai negozi di generi alimentari (+18mila), dai ristoranti (+8mila), dai bar e dai negozi non alimentari (+4mila per entrambi). Stessa musica per il gas, con settore alberghiero a +15mila euro e ristoranti a +6mila, mentre per bar e negozi il rincaro annuale si situa tra il 120% e il 130%. In alcuni ristoranti veronesi sono arrivate bollette otto volte più care di quelle dell’analogo periodo del 2021. Ad agosto il trend non è cambiato. 

Il costo dell’energia e dei carburanti (dall’inizio della pandemia al giugno scorso i prezzi alla pompa di benzina e gasolio per autotrazione sono aumentati, rispettivamente, del 30% e del 35%, per gli autotrasportatori e la spesa annua è arrivata oltre quota 55mila euro) non solo continua a pesare enormemente sui bilanci delle imprese, ma è destinato a crescere ulteriormente a seguito delle nuove restrizioni nelle forniture di gas dalla Russia. 

Il presidente di Confcommercio Verona Paolo Arena sottolinea che “serve una risposta europea per contrastare queste fiammate e introdurre un tetto al prezzo del gas, così come è necessario che a livello nazionale si rinnovino e rafforzino i crediti d’imposta per le imprese non “energivore” e non “gasivore” riducendo gli oneri generali di sistema e le accise sui carburanti: quanto fatto finora, incluso il Decreto Aiuti Bis, garantisce un piccolo sollievo, ma non basta”.  

La crisi di Governo non aiuta e le prospettive per l’autunno sono particolarmente preoccupanti, per il terziario di mercato. Le quotazioni dell’energia elettrica si stanno impennando: quelle che si sono formate nel mese di luglio ed in queste prime settimane di agosto hanno portato l’indice PUN del mercato energetico italiano a valori molto superiori rispetto al massimo di marzo 2022 (PUN medio di luglio 441 euro/mwh e pun medio dei primi giorni di agosto 490 euro/mwh, a fronte di un PUN medio di marzo di 308 euro/mwh).  

Le previsioni per l’ultimo trimestre del 2022 confermerebbero tali valori con prospettive di un autunno durissimo per le imprese commerciali e del turismo: non a caso molti albergatori, anche nel Veronese, starebbero valutando o hanno già deciso di tenere chiuso, nel periodo autunno/invernale. 

“Le imprese sono impegnate ad assorbire quanto più possibile i rincari per contenere gli aumenti al dettaglio in un momento in cui la capacità di spesa delle famiglie diminuisce ma risulta difficile, difficilissimo, far quadrare i conti”, puntualizza il direttore generale Nicola Dal Dosso. 

A inizio anno Confcommercio Verona si è attivata con i fornitori locali di energia per chiedere condizioni di favore e rateazioni; a gennaio 2022, inoltre, ha attivato lo Sportello Energia che prevede un check up, affidato a uno studio di consulenza, dei costi aziendali di luce e gas.  

Offre inoltre ai propri associati assistenza per individuare i crediti d’imposta di cui le aziende possono beneficiare: viene infatti riconosciuto un credito anche a favore delle imprese diverse da quelle a forte consumo di gas pari al 25% della spesa sostenuta per l’acquisto del gas consumato nel terzo trimestre 2022, qualora il “prezzo di riferimento del gas naturale” abbia subito un incremento superiore al 30% del corrispondente prezzo medio riferito al medesimo trimestre dell’anno 2019. 

Tali nuovi crediti d’imposta, fa presente Confcommercio, si aggiungono a quelli già previsti, alle medesime condizioni ed in ugual misura, con riferimento alla spesa sostenuta per l’acquisto dell’energia elettrica utilizzata e del gas metano consumato nel secondo trimestre del 2022. Le aziende associate possono rivolgersi all’Area organizzativa di Confcommercio Verona per verificare la loro situazione e, nel caso, chiedere assistenza per il calcolo specifico: areasoci@confcommercioverona.it 

ACCADICA

Registrati per ricevere ogni mese la tua copia gratuita del magazine ACCADICA

CORSO CAFFETTERIA

Il corso di caffetteria offre una formazione completa, a partire da nozioni di botanica e studio del prodotto, apprendendo poi il corretto utilizzo delle macchine e degli strumenti di lavoro, fino ad arrivare alle tecniche di montatura del latte e versata, per un servizio altamente professionale.

CALENDARIO

Dal 07 al 08 febbraio 2022

Posti disponibili: 6

 

Dal 27 al 28 giugno 2022

Posti disponibili: 6 

Compila il form per la richiesta di iscrizione

Con la richiesta di iscrizione ti invieremo via mail la disponibilità dei posti e, se disponibile il corso, le coordinate per eseguire il pagamento della cauzione di € 150,00. La tua iscrizione al corso non verrà confermata finché i fondi non risulteranno trasferiti nel nostro conto corrente.

BASIC BARTENDERING

Il corso BASIC BARTENDERING è pensato per chi vuole apprendere le basi e le principali tecniche di miscelazione.

Alla fine del corso sarai in grado di creare tutte le principali miscelazioni e avrai una buona conoscenza di base della materia.

CALENDARIO

Dal 17 al 20 gennaio  2022

Posti disponibili: 9

Dal 28 febbraio  al 03 marzo  2022

Posti disponibili: 9

Dal 16 al 19 maggio 2022

Posti disponibili: 9

Compila il form per la richiesta di iscrizione

Con la richiesta di iscrizione ti invieremo via mail la disponibilità dei posti e, se disponibile il corso, le coordinate per eseguire il pagamento della cauzione di € 150,00. La tua iscrizione al corso non verrà confermata finché i fondi non risulteranno trasferiti nel nostro conto corrente.