TASTE THE TV

Condividi:

Arriva dal Giappone (e da dove, sennò?) Taste the tv (Tttv), ovvero, l’innovazione tecnologica più folle e curiosa del nuovo anno, la televisione che si deve letteralmente leccare per poter assaporare ciò che viene mostrato e raccontato con immagini e suoni sullo schermo, aggiungendo dunque il senso del gusto a quelli della vista e dell’udito.

L’ideatore è Homei Miyashita dell’università di Meiji di Tokyo, il quale, in merito alla sua invenzione, ha affermato che: “l’obiettivo è consentire alle persone di vivere l’esperienza di qualcosa come mangiare in un ristorante dall’altra parte del mondo, anche restando a casa.” D’altronde, non è un caso se nel video di lancio viene mostrato il funzionamento della televisione “trisensoriale” utilizzando proprio la gastronomia come esempio ideale.  

Il display è posizionato in orizzontale per favorire l’assaggio di sapori che vengono preparati attraverso un mix di fiale. L’intruglio viene poi spruzzato su un foglio di plastica rotante che scorre su delle immagini: leccandole, le si può quindi assaporare. 

E così, la Tttv potrebbe rivelarsi un valido strumento per arricchire i menu dei ristoranti, assaggiando i piatti prima di ordinarli. Il video dimostrativo, già diventato virale, ha accolto commenti entusiasti dal mondo del web.  

Per Miyashita il televisore rappresenterebbe un’ulteriore opportunità per migliorare modalità e possibilità con cui ci si connette e si interagisce col mondo esterno, specie in tempi pandemici. Una visione per certi versi fuori dall’ordinario ma collegata al concetto di ristorazione del futuro, dove, pur mangiando in solitaria, si pranzerà con gli amici al nostro fianco in formato digitale.  

Le potenziali applicazioni legate a Taste the TV pensate dal professore nipponico riguardano l’apprendimento da remoto per cuochi e sommelier, ma anche giochi, degustazioni e quiz rivolti ai curiosi e agli appassionati di cibo. Secondo il proprio inventore, l’eventuale costo di produzione non sarebbe affatto impegnativo, ma rimarrebbe sotto i 1000 euro. 

Nell’era del COVID-19, questo tipo di tecnologia può migliorare il modo in cui le persone si connettono e interagiscono con il mondo esterno.

Vedremo mai in commercio la tv da leccare? 

 

 

ACCADICA

Registrati per ricevere ogni mese la tua copia gratuita del magazine ACCADICA