LE RICETTE DE ‘NA OLTA

Condividi:

Piatto della tradizione: “Bigoli con le sardele”.


INGREDIENTI (per 4 persone)  

400 grammi di bigoli  

1 bicchiere di olio di oliva 

6 sardine sotto sale o acciughe 

1 cipolla di medie dimensioni 

Sale e pepe q.b. 

PROCEDIMENTO  

Cuocere in acqua bollente e salata i bigoli. Pulire le acciughe o le sardine, eliminando il sale in eccesso sotto l’acqua e asportando testa e lische. Tagliare la cipolla a fettine sottili. In un pentolino, mettere a scaldare l’olio. Unire il pesce sminuzzato e la cipolla all’olio. Prima che la cipolla finisca di imbiondire, fermare la cottura versando nel pentolino un paio di cucchiai d’acqua o del vino. Lasciare che la salsa si cuocia lentamente. Quando la salsa si sarà amalgamata, scolare i bigoli lasciando un po’ di acqua di cottura. Unire i bigoli alla salsa, aggiungendo un po’ di acqua di cottura che permette di amalgamare meglio gli ingredienti. Servire i bigoli ben caldi e accompagnati da formaggio grattugiato per chi lo gradisce. 

LA STORIA  

I Bigoli sono una pasta tipica del Veneto, diffusa e cucinata in tutta la regione con sughi particolarmente ricchi e corposi. Se nell’alto vicentino si preparano accompagnati con l’anatra, nel padovano si cucinano con un saporito ragù di corte e nel veronese si uniscono allo stracotto d’asino (i cosiddetti “Bigoli col musso”) o alle sardine all’olio (“Bigoli con le sardele”).  

I Bigoli sono una tipologia di pasta all’uovo dalla forma allungata e dalla consistenza ruvida al tatto che consente di trattenere sughi e condimenti. Si preparano con pochi ingredienti utilizzando il torcolo (conosciuto anche come “Bigolaro”), un caratteristico utensile attraverso il quale si lavora manualmente la pasta fresca.  

A Verona, i “Bigoli con le sardele” erano il piatto tipico della Vigilia di Natale e dei venerdì di Quaresima, una consuetudine che risale all’anno mille. 

 

ACCADICA

Registrati per ricevere ogni mese la tua copia gratuita del magazine ACCADICA