AD OGNUNO IL SUO LOCALE

Condividi:

Intervista a Guido Tubini, titolare di Ostinati Verona.


 Ostinati di nome e di fatto… 

Proprio così, abbiamo scelto questo nome per un duplice significato: “Ostinati” come aggettivo qualificativo, in quanto siamo ostinati nel perseguire le nostre idee e i nostri obiettivi ma anche come combinazione di due parole: “Osti-nati”, ovvero “nati osti”, in quanto deriviamo da una lunga tradizione nel campo della ristorazione che ci porta ad avere l’esperienza necessaria per soddisfare qualsiasi richiesta della nostra clientela.  

 Cosa rende Ostinati un locale unico nel suo genere? 

Anche la nostra filosofia ha un duplice aspetto: da un lato, il nostro locale è unico perché aperto a tutti con un’ampia offerta che spazia dalla colazione, all’aperitivo, dal pranzo fino alla cena; dall’altro lato, Ostinati si caratterizza per la sua cucina home-made e l’accurata selezione delle migliori materie prime, con le quali creiamo i nostri gustosissimi piatti! 

Un locale a 360°: cucina, cocktail e molto altro ancora… 

Sì, siamo un locale a tutto tondo: amiamo accompagnare i nostri clienti durante tutta la loro giornata, dal caffè mattutino fino al cocktail serale! 

Tutto questo è possibile grazie al nostro team, un gruppo di lavoro altamente qualificato che ama migliorarsi ogni giorno attraverso uno studio e un aggiornamento costante, per soddisfare al meglio le richieste della nostra clientela. 

Punto di riferimento per i veronesi e tappa obbligatoria per chi visita la città! 

Il locale nasce e continua a crescere con un’offerta rivolta ai veronesi e, in generale, a tutti gli amanti della buona cucina italiana. Questa scelta si è rivelata vincente perché i turisti, innamorati del nostro bel Paese, abbracciano pienamente le nostre proposte culinarie.  

Ostinati non fa differenze tra clientela locale e turistica, abbracciamo tutti allo stesso modo facendoli sentire come a casa! Questo, forse, è il segreto del nostro successo. 

 

 

  

ACCADICA

Registrati per ricevere ogni mese la tua copia gratuita del magazine ACCADICA